Mission - Romafilmcorto
15485
page-template-default,page,page-id-15485,qode-quick-links-1.0,wc-shortcodes-font-awesome-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Mission

Cominciamo col dire che l’unico modo per non tradire la nostra idea di Mission è quello di non definirla: a parole. Ci piace pensare di riuscire a farlo attraverso il “riverbero emozionale” della nostra Avventura  –  ardimentosa, quanto esaltante  –  e spostare il proposito più in là negli anni, quando sarà più facile distinguere le mete raggiunte da quelle ancora da (poter) conquistare.

Ciò a cui ci sentiamo autorizzati – ora, qui –  è dare conto di quanto fatto e quanto c’impegniamo a fare in futuro, con immutato trasporto e la persuasione che un’Idea Visionaria renda sempre possibile il progetto più irrealistico. E’ l’Idea che ci ha mosso in nove anni di storia; che ci ha permesso di rappresentare un punto di riferimento per il cinema indipendente contemporaneo, di avviare la carriera di alcuni tra i più talentuosi autori e registi, attori/attrici dell’attuale panorama cinematografico, non solo in Italia; che ha fatto del “Roma FilmCorto”, un’Agorà della divulgazione culturale e la formazione, con sempre nuovi spazi – come raramente accade in Festival cinematografico –  riservati all’espressione artistica tout-court: dal teatro danza, alla letteratura e la poesia, dalla videoarte alla musica.

Il successo di pubblico, l’attenzione e l’apprezzamento della critica e dei media, la partecipazione – anche in qualità di giurati e presidenti di Giuria – di prestigiosi rappresentanti del cinema e dello spettacolo, sono la testimonianza che la strada intrapresa è quella giusta.

 

Promozione, sperimentazione, divulgazione, creatività

 

La libertà più preziosa è senz’altro quella di poter scegliere/conoscere/comprendere. Inventare. “Roma FilmCorto” è nato per poterlo fare in prima persona, con l’aspirazione di consentirlo a chi –  registi ed artisti, semplici appassionati – confida nel Potere della Creatività ed avversa ogni tipo d’omologazione.

Nella creatività è possibile trovare la continuità dell’armonia; creatività è trasformare il presente per migliorare il futuro; creatività è il punto di contatto tra fantasia e realtà; creatività è tessere rapporti tra le arti, Creatività è Libertà, Leggerezza, Coraggio, Follia!. Definizioni di maestri del Pensiero? Nient’affatto, sono il frutto di un sondaggio tra persone talvolta neppure troppo affini all’arte e la creatività; dunque, un “pensiero (in)comune” nella sua accezione più ampia. Sono le sollecitazioni che ci spingono verso sempre nuove  sfide. Quelle all’orizzonte, sono: “Roma Film Project”, prima agenzia / banca d’immagini e professionalità, all’interno e in virtù di un Festival cinematografico, pensato come “servizio” e incentivazione del Talento;  “Roma, Cinema aperto”, forum permanente ed itinerante, dedicato allo studio di nuove estetiche e strategie produttive del Nuovo Cinema Italiano, che debutterà in occasione della prossima edizione del Festival.

E’, ulteriore, dimostrazione che continuiamo ad esserci da protagonisti. Che lo siamo, convintamente, a fianco di tutti coloro che ritengono – con le parole di Stanley Kubrick – che “la migliore educazione al fare film è riuscire a farne uno”. Aggiungiamo noi: realizzarne un secondo ed altri ancora, “arrivare al pubblico” e, soprattutto, avere sempre qualcosa da dire.