Testi letterari preselezionati - Romafilmcorto
15466
page-template-default,page,page-id-15466,qode-quick-links-1.0,wc-shortcodes-font-awesome-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Testi letterari preselezionati

 

Titoli preselezionati

Il concorrente potrà fare richiesta di max due testi a:  rfc.informazioni@gmail.com

I testi gli verranno inviati nei formati alternativi di audiolibro, pdf o epub.

 

EDITI

1)   Pierluigi D’Amario, Le rose ribelli, Senso inverso Edizioni

2)   Stefano Iachetti e Dario Marchetti, Il passato non finisce mai, Akkuaria

3)   Carlo Martigli, Il settimo peccato, Mondadori

4)   Piermarco Parracciani, Outsider, Progetto Nuova cultura

 

INEDITI

5)   Fabrizio De Priamo, Celeste

6)   Assunta Gneo, Si chiama Vittoria

7)   Alessandra Macrì, Greta tace

8)   Giulia Marini, Confesso che amo origliare

9)   Massimo Pedroni, Caffè concerto

10)  Donato Marcello Radice, Testimonianza di un crimine

11)  Fabrizio Thellung, Tutti i cani della mia vita

 

EDITI VINTAGE

12)  Rinaldo Corvò, Vienimi a prendere, apparso su rivista 1951,

13) Cristiano Ferrarese, 1976, Hacca

14) Francesco Nuvolari, Firenze ‘77, Biblos

15) Marco Nese – Ornella Parrillo, Parola d’ordine: Roma Uno, Rizzoli

16)  Carmelo Pecora, 9 maggio 1978, Zona editore

 

Sinossi

 

1)Pierluigi D’Amario, Le rose ribelli, Senso inverso Edizioni (romanzo)

Nella Francia di fine Settecento serpeggia il malconteno a causa dei nuovi tributi imposti da Luigi XVI. In Alta Normandia, nella tenuta del marchese de Villebrune, Juliette, con la complicità della marchesina Marie Claire, ostile alle ingiustizie verso il popolo, studia un furto in villa che abbia un valore simbolico di protesta contro le vessazioni dei nobili verso i meno abbienti. Durante il furto non tutto va come dovrebbe, una persona viene uccisa e i complici sono costretti alla fuga.

2)Stefano Iachetti – Dario Marchetti, Il passato non finisce mai, Akkuaria (romanzo)

Dario Marchetti e Stefano Iachetti prendono spunto da un fatto realmente accaduto nel 1944: l’eccidio di  alcuni  soldati  americani  da  parte  dell’esercito  tedesco.  Miscelano  autobiografia  e  finzione, personaggi reali e immaginari, per creare un romanzo che ha il suo sviluppo nel culmine degli anni di piombo. Alternano nel testo visioni adolescenziali ad analisi politiche e sociali tipiche di quegli anni. Un caso di omicidio è il pretesto per scavare nel passato di un paese e svelare il mistero che ha avvolto la strage dei soldati americani nella collina di San Benedetto, a Montebuono in Sabina. A guidare le indagini il sornione Maresciallo Zanardelli, tra partite a carte e piacevoli scorpacciate.

3)Carlo Martigli, Il settimo peccato, Mondadori (romanzo)

Siamo alla fine del Quattrocento e Giovanni Ciocchi, ai tempi in cui narra questa storia, è ancora molto lontano dal giorno del 1504 in cui verrà eletto Papa e prenderà il nome di Giulio III. Ha poco più di quindici anni ed è in viaggio verso Venezia insieme all’inquisitore francescano Martino da Barga, di cui è l’allievo prediletto. Magister e apprendista sono convocati dalla Serenissima per partecipare al processo inquisitorio contro il pittore Hieronymus Bosch, accusato di eresia e blasfemia per aver dipinto un  Cristo  in  croce con  le fattezze  femminili  mentre  esercitava  le sue  arti presso  il  nobile palazzo Grimani.  Nei  giorni  del  processo,  mentre  Giovanni  e  Martino  fanno  la  conoscenza  dell’eccentrico pittore, della sua singolare visione del mondo e del suo stile di vita dissoluto, con l’intento di difenderlo dalla gravissima accusa che pende sul suo capo, nelle calli cominciano a verificarsi dei macabri delitti: uno dopo l’altro vengono ritrovati sette cadaveri, su ognuno dei quali l’assassino si è divertito a lasciare segnali da decifrare: monete incastrate nei bulbi oculari, piume che spuntano dalle tasche o dai corsetti…  Tutta la città conta sul fiuto del  magister, noto anche come indagatore di omicidi ed esperto di cause di morte, per interpretare gli enigmi seminati dall’assassino seriale e fare giustizia. Naturalmente, il principale indiziato è proprio il blasfemo e impopolare Hieronymus Bosch.

4)Piermarco Parracciani, Outsider, Progetto Nuova cultura (racconto)

Il racconto descrive il dolore e il calvario di Primo un giovane disoccupato come tanti. Una odissea vissuta nei quartieri romani alla continua ricerca di un lavoro. Una lotta senza esclusione di colpi contro il terribile mostro della disoccupazione. Una situazione impossibile dalla quale Primo riuscirà tenacemente a uscire fuori vincendo riuscendo a trovare il sospirato lavoro.

 

INEDITI

5) Fabrizio De Priamo, Celeste (racconto)

Un giovane uomo di Roma, in seguito a personali eventi drammatici (ha perso in pochi anni tutta la famiglia), si trasferisce ad Amatrice nel mese che precede il terremoto del 2016. Qui vive un periodo di riflessioni e di emozioni virtuali che in qualche modo lo sostengono rispetto alla desolazione di essersi ritrovato all’improvviso da solo. Interagisce con una sola persona reale, il barbiere della cittadina, che si rivelerà una figura per lui di riferimento. Il testo è dedicato al barbiere di Amatrice Giuseppe Spurio, deceduto il 24 agosto 2016 a causa del sisma.

6 )Assunta Gneo, Si chiama Vittoria (romanzo)

La vita di Lucrezia non è facile, ha un talento che è costretta a soffocare per lunghi decenni. Non può coltivarlo perché la precarietà della vita la costringe ad affrontare la banalità di una condizione sociale devole: uno sfratto che è ancora una ragazzina vissuto come un trauma, il padre senza lavoro, la fame, i lavori più umili. Troverà in se stessa e nella famiglia le risorse per riscattarsi e potersi dedicare al talento messo ai margini.

7) Alessandra Macrì, Greta tace (racconto breve)

Greta è a casa di Roberto, è la prima volta che mette piede negli spazi curati in modo maniacale dal suo amante, e per la prima volta da che va avanti la loro storia clandestina ha la netta percezione di una irrimediabile estraneità a tutto ciò che lo riguarda. La compagna e i bambini dell’uomo non ci sono, eppure lei ne avverte oscuramente la presenza.

Ogni gesto che dovrebbe preludere a un incontro erotico fra Roberto e Greta diventa dichiarazione di guerra, e mentre la traveste facendole indossare gli abiti della figlia per mettere in scena un impossibile ritorno all’innocenza e alla credulità di chi è ancora in grado d’amare, lo sconfinamento nell’orrore diventa inevitabile.

8)Giulia Marini, Confesso che amo origliare (racconto)

Confesso che amo origliare. Intendiamoci, non lo faccio in casa, laddove potrei scoprire scomode verità, che non conviene mai conoscere quando si ha intento di usare quel genere di fine e raccomandabile ipocrisia che salva unione e convivenza. Mi piace osservare da lontano il mio prossimo. Amanti soddisfatti. Amici in intima confidenza. Colleghi di lavoro che sfogano malcontento. Parenti in rivolta verso consanguinei. Amanti in disfatta. Adolescenti curiosi con prurito di amore. Il bello è poi stanare dalle frasi – seppure mozzate per via del loro incedere – in corrispondenza alle mie previsioni. Ritratto senza sconti di una borghesia sempre identica a se stessa, appena sotto la scorza della modernità.

9)Massimo Pedroni, Caffè concerto (racconto breve)

Bernardo,  giornalista  della  Roma  bene,  navigato  ma  un  po’  spompato,  deve  intervistare  il  noto baritono  Quaglioni.  La  vecchia  gloria  si  sottopone  con  qualche  intemperanza  al  rito  giornalistico. Visione di una Roma dei bar da tarda mattinata, fumosa e per qualche verso sconsolata.

10)Donato Marcello Radice, Testimonianza di un crimine (racconto)

Nella New York positiva dell’immediato dopoguerra, Ernest Ashton, imprenditore tra i più ricchi e potenti della città, decide di organizzare una festa nella sua villa per annunciare il suo ritiro definitivo dalla scena pubblica.  Per Carl Domberg, suo vice nell’azienda, questa appare come l’occasione perfetta per  poter  finalmente portare a termine la sua agognata vendetta. Carl infatti è il figlio di un ex dipendente di Ashton, morto suicida, a causa di un ingiusto licenziamento.

All’evento sono stati invitati i più potenti uomini dell’East Coast americana, grandi competitor e nemici- amici, interessati all’eliminazione economica o fisica di Ashton. Questo per Carl è il momento migliore per  vendicare  finalmente  la  morte  del  padre  e  allo  stesso  tempo  cercare  di  impossessarsi  del patrimonio Ashton. Un imprevisto però metterà seriamente a rischio la riuscita del suo piano.

11)Fabrizio Thellung, Tutti i cani della mia vita (racconto)

Un omaggio dell’autore ai cani della sua vita, un atto d’amore rivolto ai compagni di strada che l’autore ha imparato ad apprezzare più delle persone incontrate nell’arco della propria esistenza, visti come gli unici esseri viventi capaci di dare tutto se stessi senza pretendere nulla in cambio. In un’epoca nella quale predominano l’egoismo, la sopraffazione, l’arroganza, a tutti i livelli e in ogni classe sociale, l’autore  indica il rapporto con i cani come l’unico in cui sia possibile rinvenire qualche briciolo di ottimismo e qualche spunto edificante.

 

EDITI VINTAGE

12)Rinaldo Corvò, Vienimi a prendere (racconto breve)

Due amici tornano insieme da un ricevimento di nozze. Uno ilare e probabilmente brillo, l’altro torvo e buio in volto. Uno è il fratello della sposa, l’altro un amico di famiglia. Il primo non riesce a spiegarsi il malumore del secondo. Eppure non sarebbe troppo difficile capire i sentimenti che l’altro coltiva nei confronti della sposa…

13)Cristiano Ferrarese, 1976, Hacca (racconto)

Chi sono quelli che vengono troppo facilmente definiti “matti”? Persone, che hanno problemi, che cercano aiuto, che lo chiedono. Purtroppo però, l’aiuto a volte non arriva loro come dovrebbe invece essere, passano nelle mani di persone che grazie al loro ruolo e professione, cercano di lucrare sopra questa malattia. Invece i ‘matti’ ragionano, hanno un loro mondo, soffrono, e vivono proprio come delle persone normali. Quanti veramente hanno cercato, e ancora oggi cercano cosa ci sia nella mente di un malato psichiatrico?  E che cosa si può fare veramente per aiutarlo? L’autore cerca con questo testo di rispondere a interrogativi che riguardano tutti noi.

14) Francesco Nuvolari, Firenze ‘77, Byblos (racconto autobiografico)

Firenze, in un anno particolare, il 1977. L’anno della seconda rivolta storica studentesca (la prima dopo il ’68). L’autore, studente iscritto alla facoltà di Architettura racconta le sue esperienze in quel clima così esasperato. Le battaglie studentesche alle quali partecipa, le giornate all’interno della Facoltà occupata, le riunioni clandestine e le spedizioni punitive, gli scontri con le forze dell’ordine e le aggressioni di gruppi ostili. Il Cinema Universale e le prime vicissitudini sentimentali. Il lavoro in fabbrica per pagarsi un viaggio in Oriente finito male.

15) Marco Nese – Ornella Parrillo, Parola d’ordine: Roma Uno, Rizzoli (racconto)

Maggio 1975. Claudio Chiacchierini è un bambino di undici anni, sequestrato una sera mentre si trova nella casa di campagna dei nonni. Il racconto dei fatti è stato scritto a quattro mani dalla mamma del piccolo Claudio e dal giornalista Marco Nese. “PAROLA D’ORDINE: ROMA UNO”, è questo il nome assegnato dagli inquirenti al caso che in quel periodo terrà davanti alla televisione milioni di persone che sperano nella liberazione del piccolo Claudio. Liberazione poi avvenuta dietro al pagamento di un riscatto.

16) Carmelo Pecora, 9 maggio ‘78, il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato, Editrice Zona (racconto autobiografico)

Siamo nel 1978. Un anno con due storie di morte. Giovane poliziotto siciliano da poco entrato nella polizia, l’autore fa parte del Nucleo volanti di Roma. Quel 9 maggio è in servizio quando riceve una chiamata via radio in cui gli si comunica del ritrovamento di una Renault rossa con dentro un cadavere. Il cadavere è di Aldo Moro, rapito dalle Brigate Rosse. Lo stesso giorno, nella località siciliana di Cinisi, un giovane oppositore alla mafia viene ucciso. Il suo nome è Peppino Impastato, da tutti conosciuto per le trasmissioni radiofoniche in cui denuncia collusioni e reati commessi nel nome dell’alleanza tra mafia e politica. Il giovane poliziotto tornerà nella sua terra per assistere ai funerali di Impastato, ma contemporaneamente già da quel giorno sarà in prima linea a occuparsi del caso.