International Festival - Roma FilmCorto
15257
home,page-template-default,page,page-id-15257,qode-quick-links-1.0,wc-shortcodes-font-awesome-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

I termini d’iscrizione per le sezioni “Immagini in versi”, “Rivelazione d’attore/attrice”, e “Musica da vedere”, sono stati prorogati al 15 novembre

 La Giuria

Presidente

RENZO ROSSELLINI

Regista e produttore cinematografico. E’ stato Presidente della Gaumont Italia, con cui ha prodotto oltre 100 film. Alla Gaumont Italia della presidenza Rossellini va il merito di essere stata l’avanguardia della trasformazione delle vecchie sale cinematografiche da migliaia di posti nelle moderne multisale. Tra le sue più importanti produzioni vanno ricordate: “Prova d’orchestra”, “La città delle donne”, “E la nave va” di Federico Fellini, “Dimenticare Venezia” di Franco Brusati, “Sogni d’Oro” di Nanni Moretti, “Fanny e Alexnder di Igmar Bergman, “La nuit de Verennes” di Ettore Scola, “Identificazione di una donna” di Michelangelo Antonioni, “Nostalghia” di Andrei Tarkovskij, “Enrico IV” di Marco Bellocchio. In pochi anni la Gaumont Italia diviene una delle più importanti aziende cinematografiche italiane, che integra i tre settori principali dell’industria del cinema: produzione, distribuzione, esercizio. Tra le altre cose, Rossellini fonda anche una Scuola di cinema (da cui provengono registi come Daniele LuchettiCarlo CarleiAntonello Grimaldi, e altre figure professionali, tra cui va ricordato almeno Domenico Procacci. Lasciata la Gaumont, ha fondato l’importante società di distribuzione internazionale Artisti Associati.


Componenti

MIMMO CALOPRESTI

Regista e sceneggiatore, documentarista. Già membro di Giuria al festival di Cannes e Venezia. Vincitore del Premio Solinas per la “Miglior Sceneggiatura” “La seconda volta” – che diventerà poi un film,  protagonista Nanni Moretti – invitato in concorso a Cannes. Trai suoi film più apprezzati vanno citati: “La parola amore esiste”, “Preferisco il rumore del mare”, ed i documentari: Come si fa a non amare Pier Paolo Pasolini”, “Dov’è Auschwitz?” “Volevo solo vivere”, “L’abbuffata”, “La maglietta rossa” ,”1960”, “I ribelli”, “Uno al giorno”, “Socrates uno di noi”.


FRANCO MONTINI

Giornalista e critico cinematografico de “La Repubblica” ed altre testate del settore tra cui: “Giornale dello Spettacolo”, “Vivi il Cinema”, “Cinema & Video International”. E’ direttore del periodico Cinecritica,  Presidente del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e del Fac (Film Arte e Cultura) Tra i massimi esperti di cinema italiano è autore di numerose pubblicazioni e libri, tra questi. “I nuovissimi”, “Cinema Italiano del terzo millennio”, “Gian Maria Volontè – Lo sguardo ribelle”. Ha ideato e diretto il Premio Castelli dell’Alta Marca Anconetana, che ha proposto retrospettive di alcuni tra i più autorevoli esponenti del cinema italiano. Ha condotto, altresì gli incontri ”Professione Attore/Attrici”, dedicati a rappresentativi attori italiani.


LUCA RICCI

Scrittore e drammaturgo, docente di scrittura creativa presso la Scuola Holden. Ha pubblicato con Einaudi Laterza, Rizzoli, La Nave di Teseo. I suoi libri, apprezzatissimi, da critica e pubblico, ne fanno uno degli scrittori più talentuosi ed originali dell’attuale panorama letterario; “il virtuoso più consumato della tecnica del racconto in italiano”, come ha scritto il critico Andrea Cortellessa. Ricci ha inoltre pubblicato racconti su La Lettura del “Corriere della Sera”, “Il Messaggero”, “Il Caffè illustrato”, “Nuovi Argomenti”,” Nazione Indiana”, “Cattedrale e” minima&moralia”. Ha scritto racconti anche per RadioRai3. Dal 2013 cura per “Il Messaggero.it” la rubrica di libri “Ricci & Capricci”. Ha portato in giro per l’Italia letture sceniche tratte dai suoi racconti in “Nessuna enfasi: cinque racconti letti e illuminati” e “Fantasmi per Voce e Viola”. Tra i suoi successi più recenti: “I difetti fondamentali” (Rizzoli), “Gli autunnali” (La Nave di Teseo), “Trascurate Milano” (La Nave di Teseo) di recentissima pubblicazione.


PAMELA VILLORESI

Attrice di teatro, cinema e televisione, E’ stata diretta da Strehler, Manfredi, Gassman Missiroli Cobelli, Panici, ed ha recitato al fianco dei più grandi attori italiani. Ha diretto lei stessa in molti spettacoli. Al cinema ha lavorato con Jancso, Bellocchio, i fratelli Taviani, Montaldo, Ferrara, Placido e Sorrentino ne La grande bellezza, Premio Oscar 2014. È stata docente di recitazione e poesia a Prato, Reggio Calabria, Lugano, Guastalla e Orbetello. È stata direttore artistico di 4 Festival: “Ville Tuscolane”, “Festival dei Mondi”, “Arie di Mare”, “Divinamente Roma” e “Divinamente New York”.È stata nel consiglio di amministrazione dell’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, del Met Teatro Stabile della Toscana e del Teatro Argentina Stabile di Roma. Ha ideato e realizzato, a Prato per l’Ateneo di Firenze, il primo corso universitario PROGEAS per i mestieri organizzativi e promozionali dello Spettacolo. Ha ricevuto due “Maschere d’Oro” e due “Grolle d’Oro”, due premi Ubu: uno alla carriera e uno per la Pace insieme a Rugova e al Patriarca di Gerusalemme, e la Medaglia d’Oro del Vaticano tra i cento artisti del mondo che favoriscono il dialogo con la Spiritualità.


VINCENZO VITA

Giornalista e esperto di comunicazione. Fa parte dell’International Institute of Communications. Ha contribuito alla nascita, nel 1998, dell’International Network on Cultural Policy, un Forum di ventitré paesi dedicato ai temi della globalizzazione e della diversità culturale: nel biennio 2000-2001, è stato coordinatore del Gruppo di lavoro sui mezzi radiotelevisivi. È stato docente presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Sassari nel corso di laurea in “Scienze della Comunicazione e giornalismo” e Sottosegretario al Ministero delle Comunicazioni. Collabora con il quotidiano “Il manifesto”, di cui è curatore della rubrica del mercoledì “Ri-Mediamo” che tratta di comunicazione, media e politica. E’ attualmente Presidente della Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.